Registro Inventari

REGISTRO INVENTARI

Il registro / inventario dei beni patrimoniali di un’Associazione

07/05/2017\\ Alessandro Casu

Si è parlato della redazione del rendiconto economico annuale, abbiamo accennato al registro inventario in cui vengono annotati tutti i beni di proprietà (acquistati o acquisiti) di un’Associazione. Nonostante la compilazione di tale registro non rientri tra gli adempimenti previsti dalla legge, la consigliamo per due motivi: innanzitutto, tenere un inventario aggiornato dei vostri beni vi aiuterà, al momento opportuno, nella compilazione del rendiconto economico annuale; in secondo luogo, avere un registro patrimoniale, consultabile a richiesta, sarà garanzia di correttezza e trasparenza verso i soci ed i terzi.

Cosa dovrebbe essere riportato, quindi, nel registro inventario?

Tutti i beni patrimoniali in dotazione e gli eventuali depositi cauzionali.

I beni mobili possono essere inventariati o con numerazione progressiva, o mediante classificazione in categorie (ad es.: mobili ed arredi; attrezzature d’ufficio; attrezzature e strumenti tecnici e sportivi; programmi elettronici e licenze d’uso; materiale bibliografico e supporti audiovisivi; altro); in quest’ultimo caso a ciascun bene va comunque attribuito un numero identificativo.

Il registro inventario deve inoltre riportare le seguenti indicazioni per ciascun oggetto:

•la denominazione e la descrizione;

•la quantità;

•la classificazione “nuovo”, “usato” o “fuori uso”;

•il luogo in cui si trova;

•il valore di acquisto o di stima;

•il titolo di appartenenza (beni di proprietà dell’associazione / beni di terzi concessi in uso gratuito all’associazione).

Se per l’oggetto da inventariare non sia possibile avere dati certi, o sia pervenuto per donazione di terzi, sarà inventariato al valore di stima. Tale stima potrebbe essere effettuata ed annotata sul registro inventario da un’apposita Commissione (composta dal Presidente e/o dal Vice Presidente e da altri membri del Consiglio Direttivo) previa redazione di apposito verbale da conservare agli atti. Per i beni mobili donati deve essere indicato anche la persona o l’Ente donatore.

Per quanto riguarda i beni mobili da dichiarare fuori uso, questi dovrebbero essere oggetto di verbale da parte della suddetta Commissione; una copia di tale verbale dovrebbe essere allegata al rendiconto economico a giustificazione dell’avvenuta variazione rispetto all’anno precedente.

Per quanto riguarda i beni immobili, è bene riportare l’ubicazione, la destinazione, la descrizione coi riferimenti catastali, altri riferimenti importanti (ad es. se si tratta di un immobile acquistato o donato e i relativi riferimenti notarili).



NUOVO

RECENTI

5 X MILLE

Aggiornamenti su norme per iscrizioni al Registro CONI


CONI

Aggiornamenti su norme per iscrizioni al Registro CONI


FISCO

Scopri se la tua associazione deve ri-presentare il modello EAS


FISCO

Le Associazioni Sportivo Dilettantistiche e l'acquisto di BENI USATI: ecco moe fare.


AGENZIA DELLE ENTRATE

Le associazioni e società sportive dilettantistiche, tenute alla trasmissione del modello EAS in forma semplificata in quanto iscritte al Registro CONI , devono provvedere a comunicare le variazioni intervenute nell’anno precedente entro il 31 marzo dell'anno successivo.

SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori

Associazioni che hanno bisogno di musica:

ecco COME NON PAGARE LA SIAE

AGENZIA DELLE ENTRATE

CERTIFICATI PENALI SOLO PER I CONTRATTI DI LAVORO :

importanti chiarimenti del Ministero della Giustizia

FISCO

Il figlio o il coniuge che percepisce redditi dilettantistici… rimane a carico?

CERTIFICATI MEDICI

Certificati medici per attività sportiva: il CONI proprio non vuole decidersi

BARRIERE SOCIALI

Lo sport come strumento per abbattere le barriere sociali

REFA

Consigli Utili,

Scoprite di più